martedì 7 febbraio 2023

Come si beve il caffè espresso: il galateo del caffè

Come si beve il caffè espresso: il galateo del caffè

condividi

autore: Redazione

Il caffè italiano, l'espresso, ha una serie di accortezze da seguire, piccole e semplici regole che fanno la differenza. In questo articolo ti faremo scoprire qual è il modo migliore per bere il caffè, sia al bar che a casa.

Gli italiani amano l’espresso! Per il popolo italiano il caffè espresso racchiude un insieme di tradizioni e valori culturali, niente come il caffè espresso ha unito le varie zone dell’Italia in un'unica, grande passione. Il momento del caffè per noi italiani è visto e vissuto come un momento di convivialità: che sia a prima mattina, a metà giornata o dopo i pasti, il caffè unisce.

Tutti i bevitori di caffè italiani hanno un proprio modo di bere il caffè. Per ognuno di loro, la modalità con la quale bevono il caffè è quella giusta ma non per tutti è sempre così: ci sono poche e semplici regole per bere la bevanda più amata dagli italiani.

In questo articolo vedremo come si beve il caffè espresso, sia al bar che a casa, e scopriremo un po’ di curiosità sulla bevanda d’eccellenza del Bel Paese.

Quando arriva il caffè in Italia

Il caffè o meglio, i semi di caffè, approdano sulle coste italiane già nel XVII secolo, a Venezia, dove veniva utilizzato come medicamento e venivano venduti dagli speziali a prezzo altissimo.

La prima bottega del caffè in Italia fu il celebre caffè Florian, era il 1720 ed in Piazza San Marco a Venezia apriva “il caffè più antico del mondo”.

I caffè, pian piano, in Europa prima e in Italia poi, diventarono luoghi di aggregazione di letterati e pensatori che riuscivano a discutere di molti temi fino alla tarda notte, dalla politica ai temi di attualità del periodo e tutto questo avveniva grazie alle proprietà eccitanti della caffeina.

Com'è percepito il caffè per gli italiani


L’espresso è il caffè! In Italia quasi nessuno specifica espresso quando ordina un caffè poiché, nell’uso comune, il caffè espresso è il caffè. Al momento dell’ordinazione vengono utilizzate delle specifiche nel caso si volesse ordinare un caffè con l’aggiunta di qualcosa come ad esempio il caffè macchiato, quando si ordina un caffè con del latte, oppure un caffè corretto, quando si ordina un caffè con l’aggiunta di un liquore.

Per l’italiano il caffè espresso è il primo metodo di approccio con una persona appena conosciuta, un appuntamento per rincontrarsi con qualcuno che non si vede da tempo o, ancora, la pausa da lavoro ed il momento per godersi un momento tranquillo da solo. Un caffè può essere una scusa per scambiare parole con qualcuno al bar o semplicemente un modo per sentirsi italiani.

In Italia il caffè è una bevanda talmente versatile che ognuno dedica diverse tempistiche anche nel berlo. Il caffè espresso viene dunque preso dalla persona frettolosa che deve andare al lavoro, e quindi lo ordina in piedi al bancone del bar o ancora da un gruppo di amici che si riuniscono ad un tavolino per parlare ed il caffè in questo caso funge da piacevole accompagnamento.
Ecco perché il caffè è la bevanda preferita dagli italiani.

Ma vediamo ora dove e quando nasce il caffè espresso


Le origini del caffè espresso sono legate a Torino e risalgono al 1884 quando Angelo Moriondo brevettò la macchina per produrre caffè istantaneo per il suo bar "American", per riuscire a fare nel minor tempo possibile i caffè per i suoi clienti. Tuttavia, Moriondo non sfruttò mai la sua invenzione a livello industriale e produsse solo artigianalmente le sue macchine da caffè per i suoi locali.

Nel 1885, il progetto della macchina per il caffè espresso fu implementato e divenne oggetto di brevetto internazionale. La diffusione del caffè espresso in Italia iniziò solo dopo che nel 1901 Luigi Bezzera, a Milano, con alcune modifiche al progetto di Moriondo, presentò la sua nuova macchina da caffè.

L'anno successivo, il brevetto del caffè espresso passò a Desiderio Pavoni, fondatore dell'azienda milanese La Pavoni, che produsse una macchina per caffè espresso con caldaia a pressione mantenuta da un fornello a gas. Infine, nel 1938, Achille Gaggia, barista milanese, inventò la macchina per il caffè espresso a pressione (precedentemente funzionava a vapore) grazie a un sistema a pistoni che spingeva l'acqua attraverso la polvere di caffè ad alta temperatura.

Le regole del galateo del caffè


Ora che abbiamo visto cos’è il caffè per gli italiani e scoperto com’è nato il caffè, scopriamo il modo giusto per berlo.
Il galateo del caffè ci fornisce il giusto modo per bere l’espresso sia al bar che a casa.

Come si beve il caffè al bar. Per bere l’espresso al bar ci sono piccole e semplici regole da seguire ma che ci renderanno dei veri bevitori di caffè.


  • Salutare: sarebbe buona prassi salutare il personale presente, sia quando si entra che quando si esce dal bar. Questo dimostra rispetto per coloro che sono impegnati a fornirti un'esperienza di qualità, che comprende non solo la preparazione del caffè, ma anche la pulizia e la capacità di rispondere a qualsiasi tua richiesta.
  • Impara come bere il caffè: un barista esperto ti servirà il tuo caffè su un piattino con il manico della tazzina orientato verso destra e il cucchiaino posizionato sullo stesso lato. Per bere, ti suggeriamo di tenere il piattino con la mano sinistra e afferrare la tazzina con la destra, mantenendo il manico con solo due dita e portare la tazzina alla bocca.
  • Come girare lo zucchero: il caffè va sempre girato, sia in presenza che in assenza di zucchero, dimenticando la cattiva abitudine di ondeggiare la tazzina. Il cucchiaino deve muoversi dall’alto verso il basso e, una volta terminata l’operazione, va appoggiato sul piattino senza essere leccato.
  • Bevi con discrezione ed evita di fare rumore sia quando mescoli il caffè che mentre bevi. Inoltre, non leccare mai la schiuma, neppure quella del cappuccino!
Non finisce qui, il bon ton del caffè non si limita solo al bar ma ci sono delle regole per bere un buon caffè a casa e come servirlo agli ospiti.

Prima di qualsiasi regola, bisogna sapere che il caffè va servito rispettando le tempistiche. In genere, quindi, si offre a fine pasto e mai a tavola. Se vuoi rendere più chic questo momento puoi invitare i tuoi ospiti a sedersi sul divano dove, accanto al caffè puoi offrire dei liquori adatti, i cioccolatini e l’acqua.


  • Il padrone di casa dovrebbe versare lo zucchero nella tazzae consegnarla all'ospite, che poi lo mescolerà.
  • Se decidi di utilizzare una macchina per il caffè, prepara solo pochi bicchieri alla volta e portali subito in tavola, prima che si raffreddino. Per mantenere il caffè caldo dalla cucina al soggiorno, un trucco è riscaldare le tazze vuote nel forno in modo che il caffè sia al suo meglio quando arriva al tuo ospite.
  • Come per il bar, la tazza va portata all'ospite con il manico a destra, dove va posizionato anche il cucchiaino. L'ospite deve seguire alcune regole durante questo processo, non deve agitare rapidamente il cucchiaino e non deve leccarlo anche se la schiuma sembra molto invitante o c'è zucchero sul fondo.
  • L'ospite dovrebbe evitare di fare rumore sia quando sorseggia il caffè sia quando lo mescola. La tazza va tenuta con la mano destra e portata vicino al viso. Il piattino rimane sul tavolo solo se il caffè viene servito dopo il pasto.
Ma l’acqua?

Solitamente quando viene servito il caffè, viene servito anche un bicchierino d’acqua. L’acqua va bevuta solo prima di bere il caffè e non dopo. Il motivo? È molto semplice: bevendo l’acqua prima di bere l’espresso, ripuliamo la bocca da eventuali residui di cibo o sapori che potrebbero alterare il sapore del caffè. Non va bevuta dopo poiché altrimenti andremmo ad eliminare dalla nostra bocca tutto il gusto del caffè espresso.

Sempre un'ottima figura con le nostre regole… e il nostro caffè


Ora che sapete come si gusta il caffè espresso, vi consigliamo di berne uno di alta qualità. Le nostre selezioni di caffè in grani Roen ti regalano un’esperienza inimitabile. Da buoni padroni di casa, al momento del servizio, farete la vostra bella figura grazie ai consigli che vi abbiamo dato poco fa e a un ottimo caffè.

Visita il nostro shop dove troverai le nostre miscele e i caffè monorigine che renderanno il tuo espresso un vero piacere tutto italiano.
Sai che esistono delle regole anche per degustare il caffè? Ne abbiamo parlato in quest'articolo.

Caffè 100% Arabica Gourmet

100% Arabica

€ 25,00 € 20,00

Caffè 100% Arabica

100% Arabica

€ 25,00 € 20,00

Caffè Armonioso

90% Arabica – 10% Robusta

€ 23,00 € 19,00

Caffè Extra Bar

80% Arabica – 20% Robusta

€ 22,00 € 18,50

Caffè Costa del sol

60% Arabica – 40% Robusta

€ 20,00 € 17,00

Caffè Intenso

40% Arabica – 60% Robusta

€ 20,00 € 17,00

Caffè Gran Bar

40% Arabica – 60% Robusta

€ 18,00 € 15,00

Cialde monodose E.S.E.

40% Arabica – 60% Robusta

€ 45,00 € 38,00

Caffè Malabar Monsoon India

Caffè monorigine 100% Arabica

€ 26,00 € 23,00

Iscrivimi alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per essere sempre aggiornato su tutte le novità e le promozioni